TECNICHEAREEBLOGCONTATTI

Il BLOG

psicologia & psicoterapia

AUTOGENO.NET
Consulti Online
& in Studio a Torino
stati di ansia

Depressione: a chi rivolgersi per curarla

11/11/2021

La Depressione è una malattia sempre più diffusa che genera grandi sofferenze nell’individuo che ne è affetto. Chi soffre di depressione ha un disturbo dell’umore accentuato e vive un profondo senso di disagio, di profonda tristezza, manifesta perdita di interesse e scarsa o assente fiducia nel futuro.

A scatenare questa patologia possono contribuire vari fattori, ma a cambiare sono le reazioni che ogni persona ha di fronte agli eventi che accadono durante la vita, un evento traumatico, la fine di un amore, la perdita del lavoro.

Quando il malessere diventa persistente e ingestibile è il caso di prendere provvedimenti e farsi curare, ma non bisogna aspettare che la situazione si aggravi. “Se un disturbo viene sottovalutato, può cronicizzarsi e aggravarsi col passare del tempo. Purtroppo, la maggior parte di chi ne soffre non accede alle cure o lo fa in ritardo: tuttora esiste intorno alla salute mentale un alone di paure, vergogna, pregiudizi”.

Qual è la figura professionale più adatta per curare la depressione

La prima cosa da fare è, dunque, liberarsi di questi pregiudizi e rivolgersi ad un medico specialista che provvederà a fare la diagnosi corretta e istituirà un trattamento adeguato alla condizione del paziente. La terapia potrà consistere nella prescrizione di eventuali farmaci o in un percorso di psicoterapia o, in base al caso, in entrambe le cose.

Se si tratta di casi più gravi lo specialista può consigliare anche un breve ricovero in strutture ospedaliere specializzate. Spesso, però, sorge qualche dubbio sulla scelta del professionista dal quale farsi seguire: chi scegliere fra psicologo, psicoterapeuta o psichiatra? Premesso che le tre figure non sono intercambiabili, è importante sottolineare che ciascuna ha un suo percorso formativo e specifiche competenze.

Infatti, ciascuna figura ha conoscenze diverse che consentono di aiutare a sostenere e curare i pazienti che sperimentano profondi disagi nella sfera emotiva, psicologica o psichica. È proprio grazie alle loro competenze e alla loro esperienza che ciascuno di questi professionisti, accertata la diagnosi sul paziente, deve essere in grado di orientarlo e indirizzarlo verso lo specialista più adatto alle sue esigenze.

È loro compito riconoscere chi è affetto da una problematica psichica e individuare se va affrontata con una terapia farmacologica, un approccio psicologico oppure psicoterapeutico.

Psichiatra, psicologo o psicoterapeuta?

Se la diagnosi richiede una terapia farmacologica, lo specialista più indicato è lo Psichiatra, figura che possiede una laurea in Medicina e Chirurgia ed è iscritto all’Ordine dei Medici.

Lo psichiatra è l’unica figura professionale che ha la competenza e il titolo per prescrivere i farmaci specifici per curare la depressione e altre malattie inerenti come ansia, attacchi di panico o altre patologie che necessitano di una terapia farmacologica.

In qualità di medico, può anche diagnosticare situazioni in cui i sintomi depressivi sono originati da problemi di natura organica o altre patologie mediche che possono dare vita a disturbi di natura psichica.

Tuttavia, non sempre la sola terapia farmacologia riesce a curare la depressione  e in passato sono state fatte molte ricerche sull’uso degli antidepressivi. Uno dei massimi esponenti in materia, il professor Irving Kirsch, psicologo dell’University of Hull in Inghilterra, durante il suo lavoro di ricerca ha scoperto diversi problemi e incongruenze che lo hanno portato a riflettere sulla loro reale efficacia.

Secondo Kirsch,la depressione non può essere vista come un semplice squilibrio chimico nel cervello”. Se in precedenza persisteva la convinzione che la causa della depressione fosse organica, fisica, nel tempo è maturata l’idea che l’uomo non è fatto di sola materia, ma anche di pensiero e i bisogni psicologici hanno la stessa importanza di quelli fisici.

I risultati della ricerca hanno portato un radicale cambiamento verso l’approccio integrato alla cura della depressione. L’approccio integrato prevede la presenza dunque di figure, oltre a quella dello psichiatra, quando necessaria, anche dello psicologo o dello psicoterapeuta.

Lo psicologo, che possiede una laurea in psicologia, ha svolto il tirocinio pratico e ha superato l’esame di stato, è abilitato all'esercizio della sua professione, può effettuare una diagnosi testistica e fare consulenze in situazioni di crisi quando però non sia presente uno stato di psicopatologia.

Invece, lo psicoterapeuta, che è uno psicologo o un medico che ha svolto un ulteriore percorso di studi, interviene e lavora sul sintomo e sulla patologia con gli strumenti appresi durante la specializzazione in psicoterapia. Se lo psicoterapeuta è anche un medico può anche istituire una terapia farmacologica.

Conclusione

L’approccio integrato per la cura della depressione è ad oggi riconosciuto ampiamente anche da un recente studio dell’American Psycologist Association. I risultati sono decisamente più duraturi rispetto all’utilizzo della sola terapia farmacologica, poiché i soggetti che soffrono di depressione vengono aiutati a prendere consapevolezza degli eventi complessi che hanno vissuto nella loro vita o che stanno attraversando.

È evidente, ovviamente, che quando i sintomi diventano invalidanti, i farmaci vanno utilizzati e devono essere prescritti dai medici. Individuate le figure che devono accompagnare il paziente nel percorso di ripresa dalla depressione è importante mantenere il rapporto con regolarità, senza mancare agli appuntamenti.

I percorsi di psicoterapia non sono tutti uguali e non hanno le stesse indicazioni. La scelta dello specialista sarà basata sulla diagnosi e sugli obiettivi da raggiungere.

Se si tratta di forme di depressione più gravi è importante che il percorso del terapeuta preveda l’intervento di altre figure professionali come quelle elencate in precedenza.

Bibliografia:

Sono laureata in psicologia clinica e di comunità presso l’Università degli Studi di Torino e iscritta all’Albo degli Psicologi della Regione Piemonte al n 8247.

Ivana Cerruti

psicologa & psicoterapeuta

CONTATTAMI
STUDIO PSICOLOGIA
AUTOGENO
Psicologia e Psicoterapia
a Torino ora anche online
VIA GIOVANNI NAPIONE, 20
P.ZZA VITTORIO - VANCHIGLIA
TORINO (TO)
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram