TECNICHEAREEBLOGCONTATTI

Il BLOG

psicologia & psicoterapia

AUTOGENO.NET
Consulti Online
& in Studio a Torino
stati di ansia

Sindrome dell’abbandono: come affrontare la paura di essere abbandonati

26/03/2024

La sindrome dell’abbandono (per sindrome intendiamo una serie di sintomi e di comportamenti) è un disagio psicologico caratterizzato dalla paura costante di rimanere da soli e di essere abbandonati. 

Le persone che soffrono di questo disturbo hanno la sensazione di essere circondate da soggetti imprevedibili, inaffidabili, che da un momento all’altro possono andare via senza pensare a loro. 

La sindrome dell’abbandono è un’ansia costante che rende difficile creare un rapporto di fiducia con l’altro.

Chi vive questa paura può diventare vittima di pensieri intrusivi circa l’essere abbandonato, pensieri che possono anche irrompere massicciamente durante la giornata abbassando notevolmente la qualità della vita, soffocando le risorse intellettive e psicologiche della persona.

La sindrome dell’abbandono non può definirsi un vero e proprio disturbo, tuttavia tale sindrome non va trascurata o sottovalutata perché può compromettere in modo significativo la nostra quotidianità portando ad atteggiamenti e comportamenti altamente disfunzionali. 

In questo articolo cercheremo di conoscere quali sono i sintomi e le possibili cause di tale sindrome e come la si possa affrontare 

Sintomi, cause e conseguenze della paura dell’abbandono

Tra i sintomi più frequenti della sindrome dell’abbandono troviamo attacchi di panico, ansia, angoscia, tristezza, senso di solitudine, depressione e tono dell’umore deflesso. A volte, soprattutto se la sindrome è correlata ad altri disturbi di personalità, possono scaturire pensieri suicidi

Il timore di essere abbandonati può manifestarsi anche con sintomi somatici, quali mal di testa, disturbi gastrointestinali, disturbi dell’alimentazione, nausea, disturbi cardiovascolari, calo delle difese immunitarie. 

Il soggetto affetto da questa sindrome ha una bassa autostima e crede di non essere amabile, cioè di non essere degno del rispetto e dell’amore altrui.

Le origini della paura dell’abbandono sono di solito da ricercare nell’infanzia e nelle situazioni vissute con le figure di riferimento. 

Una separazione, la perdita improvvisa di una persona cara, il controllo esasperato da parte di un genitore, sono tutti elementi che possono avere ripercussioni nell’età adulta. 

Le cause della sindrome dell’abbandono possono essere: 

  • perdita di un genitore nell’infanzia, per morte o separazione;
  • allontanamento di un bambino dalla madre;
  • non ricevere affetto sufficiente da parte dei genitori;
  • esperienze di abbandono emotivo;
  • abusi fisici o emotivi;
  • tradimenti. 

La sindrome dell’abbandono porta ad atteggiamenti e a comportamenti disfunzionali di varia entità. Tra le conseguenze possiamo trovare l’ incapacità a fidarsi, la difficoltà ad entrare in relazioni positive con gli altri, la dipendenza affettiva, i disturbi d’ansia, la difficoltà di gestione della rabbia, i cambiamenti dell’umore, la gelosia ossessiva, l’ipercontrollo dell’altro. 

Come superare la paura dell’abbandono

La prima cosa da fare è riconoscere di avere una difficoltà e prendersi cura di sé. 

Accettare le proprie paure

Le paure fanno parte della nostra natura e non devono essere viste sempre solo come qualcosa di negativo. Esse spesso si rivelano utili per far capire che vi sono delle difficoltà. Esplorare le cause che le hanno generate è fondamentale per imparare ad accettarle e a gestirle.

Prendersi cura di sé

Avere fiducia in se stessi e curare l’autostima. Il rinforzo dell’autostima, spesso profondamente intaccata nei soggetti con forte ansia d’abbandono, contribuisce ad attenuare l’angoscia di essere lasciati. Riuscire a sviluppare la propria autostima permetterà di elaborare delle scelte consapevoli, eliminando la tendenza ad accontentarsi pur di non rimanere da soli.

Raggiungere l’autonomia emotiva

Significa riuscire a essere se stessi anche in assenza dell’altro, desiderare l’altra persona senza dipendere dalla sua presenza, saper stare da soli e in compagnia. Chi ha autonomia affettiva sa gestire le proprie emozioni in modo equilibrato anche nelle relazioni.

Un distacco ha anche lati positivi

Considerare i lati positivi di un distacco può essere di grande aiuto per superare la sindrome dell’abbandono. Il distacco porta a riflettere su ciò che è accaduto e a vedere ciò che accade da un’altra prospettiva. Ciò può permettere di ripartire utilizzando modalità più funzionali al benessere individuale e relazionale.

Come affrontare la sindrome dell’abbandono

Quando la paura dell’abbandono crea forte malessere, impedisce di instaurare rapporti affettivi solidi e porta a relazioni tossiche o comportamenti lesivi può essere importante per la propria salute psicofisica affrontare un percorso psicoterapeutico.

In particolare, la terapia psicodinamica è orientata a esplorare le origini del disturbo e a sostenere la persona nel trovare strategie per affrontare le proprie paure. La psicologia psicodinamica offre differenti modelli teorici per interpretare le cause e le conseguenze dell’angoscia dell’abbandono e offre strumenti terapeutici per elaborare il trauma e favorire la resilienza.

Alla terapia psicodinamica il terapeuta può, se lo ritiene opportuno, affiancare il training autogeno, dando così al paziente più strumenti per affrontare i propri fantasmi interiori.

Laureata in Pedagogia presso la Facoltà di Magistero di Torino e in Psicologia con indirizzo clinico presso la Facoltà di Magistero dell’Università degli Studi di Padova, ho conseguito la specializzazione quadriennale in Psicoterapia Psicodinamica presso l’Istituto di Psicoterapia Psicodinamica di Torino.

Anna Ambiveri

psicologa & psicoterapeuta

CONTATTAMI
STUDIO PSICOLOGIA
AUTOGENO
Psicologia e Psicoterapia
a Torino ora anche online
VIA GIOVANNI NAPIONE, 20
P.ZZA VITTORIO - VANCHIGLIA
TORINO (TO)
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram