Conferenza: Il training Autogeno: perché riscoprirlo?

//Conferenza: Il training Autogeno: perché riscoprirlo?

Conferenza: Il training Autogeno: perché riscoprirlo?

logo centro bionomia moncalieriLa conferenza, organizzata dal Centro Bionomia, illustrerà un uso innovativo del Training Autogeno, utilizzato non solo come semplice modalità meditativa e di rilassamento, ma come vera e propria tecnica psicoterapeutica, analitica, immaginativa e simbolica e tratta un argomento di grande interesse per tutti coloro che si rivolgono alla cura della “persona” nella sua totalità inscindibile mente/corpo.

 

Questa linea di pensiero è alla base dell’orientamento della scuola di Psicoterapia Bionomica (Formist) di Cagliari, (riconosciuta dal M.I.U.R. per la formazione di psicoterapeuti con questo indirizzo).

 

Il Training Autogeno di base è il primo momento di quella tecnica più ampia che è chiamata Training Autogeno e che comprende al suo interno anche il Training Autogeno Superiore. Appartenendo all’impianto tecnico della psicoterapia bionomico-autogena, anch’essa creata da I. H. Schultz nel 1951, esso ha delle specifiche proprietà in senso analitico, immaginativo, simbolico e corporeo. Il training autogeno di base che viene proposto è quello classico, in linea con i principi dell’ortodossia schultziana, che è stata particolarmente perseguita ultimamente dalla Scuola di Cagliari. Il percorso, nello specifico,  sarà differenziato in base al profilo formativo ed alle esigenze degli iscritti, in “training autogeno educativo ” e “training autogeno psicoterapico”. Il training autogeno educativo è una tecnica educativa passiva che si propone attraverso l’educazione autogena della volontà di educare o di rieducare/riabilitare il soggetto alla cura di sé, all’adesione al progetto di cura, alle relazioni interpersonali di varia complessità, all’attività lavorativa e all’autonomia abitativa. Si propone inoltre di educare il soggetto all’apprendimento, allo sviluppo e alla scoperta di nuovi comportamenti e nuovi atteggiamenti che siano coerenti coi suoi valori di salute. L’utilizzazione potrà essere pertanto in ambito scolastico, socio-sanitario, rieducativo, ma anche sportivo ed aziendale. L’utilizzazione clinica del training autogeno , ovvero in contesti psicoterapici (e pertanto riservato esclusivamente agli psicoterapeuti diplomati nelle scuole riconosciute dal Ministero dell’Università) consente un’espansione notevole della coscienza agli strati più profondi della personalità; quegli strati in cui albergano immagini primordiali che contengono a loro volta elementi individuanti del piano di vita del soggetto, in piena armonia con la teoria autorealizzativa di Schultz. Un’utilizzazione in senso psicoterapico consente peraltro il recupero e il ripristino delle deviazioni dalla realizzazione del piano di vita del soggetto, la cui maturazione realizzativa è stata interrotta o distorta da traumi o deviazioni educative o sociali. Oltre agli aspetti distensivi o di rilassamento che la tecnica possiede, essa si rivela veramente efficace in tutti i disturbi del corpo di tipo psiconeurovegetativo, per le sue peculiarità di instaurazione di un nuovo regime sensoriale maggiormente conforme alle potenzialità del piano di vita del soggetto. È proprio questa nuova possibilità, ben studiata dall’approccio bionomico della Scuola di Cagliari, che ne sta decretando un nuovo successo.

 

La conferenza sarà tenuta dalla dott.ssa Laura Borgialli (Psicologa e Psicoterapeuta), Operatore di Training Autogeno Superiore, iscritta all’Albo I.C.S.A.T. (ItalianCommittee for the Study of AutogenicTherapy and Autogenic Training), con la collaborazione della dott.ssa Laura Soliman

La conferenza avrà luogo il 9 settembre 2016 a Torino presso la libreria Golem

via Santa Giulia 16/a-  tel. 011 1950 3630

dalle ore 18.30 alle ore 20 – ingresso libero

mail: centro.bionomia@virgilio.it – centro.bionomia@gmail.com

2018-05-08T14:01:35+02:00