Percorso di Crescita Personale

percorso crescita personaleIl Training Autogeno sino ad una decina di anni fa veniva impiegato, all’interno dell’approccio autogeno, soprattutto sotto l’aspetto della teoria neurofisiologica di Luthe (training autogeno somatico educativo), dove veniva dato ampio risalto ai cambiamenti psicofisiologici prodotti dall’allenamento. Successivamente, grazie anche alla traduzione in lingua italiana dei saggi di psicologia e di psicoterapia bionomica di I.H. Schultz, vi è stata una revisione complessiva della tecnica di I.H. Schultz, attraverso l’integrazione dell’approccio neurofisiologico di Luthe con quello bionomico.

Il Training Autogeno somatico è così venuto a far parte di un processo autogeno più ampio che permette un cambiamento nell’interiorità del soggetto aprendo l’accesso ad un processo di trasformazione e di crescita personale per effetto della slatentizzazione progressiva di immagini inconsce appartenenti al piano di vita di ogni persona.Il training autogeno permette di avvicinarsi al proprio mondo interiore, innescando un processo di crescita autogenerantesi. Ecco perché esso rappresenta prima di tutto un vero percorso di crescita personale.

Il Training Autogeno viene utilizzato come tecnica per rilassarsi e ridurre gli effetti dello stress nel corpo e nella mente, e come strumento psicoterapeutico per aiutare le persone a trovare il senso della propria vita e a rimuovere gli ostacoli che ne impediscono il sano fluire. Il suo successo è dovuto alla facilità con cui può essere appreso e ai grandi vantaggi di cui gode chi lo pratica costantemente.

UN PERCORSO DI CAMBIAMENTO INTERIORE

Non vengono mai date suggestioni o indicazioni che appartengono al mondo interiore del terapeuta, ma il lavoro psicoterapeutico si basa sui contenuti che in maniera del tutto spontanea ed autogena sgorgano dal mondo interiore del soggetto. Le applicazioni di questa metodica, spaziano dalla risoluzione di problemi relazionali, come la timidezza o l’ansia, a quelli di mancanza di concentrazione, depressione, insonnia o altri problemi intimamente nascosti, che il training autogeno scova e libera. Il percorso diventa così parte integrante della tecnica, non necessitando di applicazioni specifiche perché esso è già di per sé una forma di crescita interiore personale.